Capsulite adesiva

La capsulite adesiva consiste in un’infiammazione aspecifica della capsula articolare della spalla. Può essere idiopatica o secondaria a traumi dell’articolazione e interventi chirurgici soprattutto se trattati con immobilizzazione prolungata; è caratterizzata da una progressiva perdita dell’articolarità a causa della perdita di flessibilità della capsula. 

La capsulite adesiva colpisce più frequentemente le donne, nel periodo che va dai 40 ai 60 anni, e i pazienti con segni clinici di depressione. 
Nei pazienti con diabete mellito insulino dipendente si può instaurare una forma di capsulite adesiva più tenace e difficile da trattare. Altre cause predisponenti possono essere l’ipotiroidismo, la malattia di Parkinson, recente infarto miocardico, la terapia con Fenobarbital.

Esistono tre fasi della patologia:

• 1a fase (attiva): si forma tessuto cicatriziale attorno alla capsula che progressivamente si organizza. Il paziente riferisce sensazione di dolore diffuso che aumenta durante la notte ed il ROM inizia a ridursi.

• 2a fase: la spalla è andata incontro ad una artrodesi fibrotica ed il ROM è significativamente limitato. Più la spalla diventa rigida e più diminuisce il dolore.

• 3a fase (risoluzione): la spalla riprende gradualmente la mobilità con una sintomatologia dolorosa modesta (questa fase si può presentare in un tempo molto variabile fino ad arrivare a 18-24 mesi dall’esordio).

I segni classici di questa patologia sono dolore e progressiva perdita di articolarità in assenza di traumi noti.

La diagnosi nella fase attiva è spesso difficile: il paziente presenta una limitazione del movimento su tutti i piani (soprattutto intra ed extra-rotazione), sia attivo che passivo di almeno il 50% rispetto al controlaterale. 
Sono presenti difficoltà nelle attività quotidiane, come nel vestirsi e svestirsi e nei movimenti sopra il capo.

Per evidenziare depositi calcifici o escludere altre patologie verranno prescritte radiografie in proiezioni standard.

Il processo di recupero è di solito molto lento e può richiedere più di 2 anni. La riabilitazione consiste in attività finalizzate al recupero dell’articolarità, sia in palestra che in piscina, che a domicilio.

Possono essere indicate terapie fisiche. Utile l’uso di terapia farmacologica.

Dopo 12 mesi di trattamento con scarsi risultati può essere indicata la mobilizzazione in anestesia o l’artrolisi artroscopica.